<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=665305573852180&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

LinkedIn Company Page. Un’isola su cui approdano i profili aziendali

[fa icon="calendar"] 24/04/18 7.55 / Pubblicato da: M. Letizia Russo

M. Letizia Russo

company_page_linkedin_COVER

 

Quando si parla di Social Selling, di LinkedIn e della necessità di essere presenti su questa piattaforma, di avere una Pagina Aziendale, soprattutto se si opera in un mercato B2B, lo si fa a ragion veduta, in quanto supportati da dati che avvalorano questa tesi. 

1. Singoli Profili e Company Page, legame a doppio filo!

Avere una Company Page su Linkedin è certamente positivo per le aziende ma anche per i loro Manager, Sales e dipendenti. 

La pagina aziendale è per loro di importanza fondamentale ma contemporaneamente possiamo affermare che l’attività dei singoli profili è per la Company Page condizione indispensabile affinché abbia successo e i propri contenuti possano essere divulgati.

Su LinkedIn, infatti, una pagina aziendale pur strutturata e alimentata da contenuti interessanti, deve necessariamente essere supportata da singoli profili mediante condivisione di contenuti, diversamente non avrà molto successo e avrà scarsa visibilità.

Possiamo quindi affermare che il profilo del singolo è il mezzo su cui viaggiano i contenuti della Company Page.

2. Se la Pagina aziendale fosse un’isola, i singoli profili sarebbero imbarcazioni, i prospect turisti!

L’algoritmo di LinkedIn, fino a poco tempo fa, era ancora molto generoso rispetto a quello di altri Social, e i contenuti della Company Page avevano potenzialmente maggiore viralità e quindi visibilità notevole anche con poche centinaia di follower.

Ora, all’alba del 2020, la situazione si è un po’ modificata e, con il suo recente aggiornamento, l’algoritmo di Linkedin mira a qualificare maggiormente i post più apprezzati, assegnando loro un punteggio di qualità che cresce in base alle reazioni degli utenti, incrementandone in questo modo la visibilità e la diffusione nei vari feed.

Anche LinkedIn, dunque, sta seguendo la stessa strada percorsa da Facebook, al fine di valorizzare i contenuti mostrati sulla piattaforma e così le pagine godono soprattutto della visibilità concessa ai singoli profili che interagiscono, in particolare quando questi vantano un elevato numero di collegamenti.

Linkedin privilegia i contenuti delle pagine con link nel post: hanno un engagement sino al 45% superiore rispetto agli altri. Possiamo quindi affermare che l’utilizzo della piattaforma per le aziende è decisamente vantaggioso a livello di traffico organico ossia senza necessariamente investire in pubblicità a pagamento.

3. Rendi la tua Company Page un’isola di notevole interesse!

company_page_linkedin_strategia1ª regola:  Strategia!

Qual è lo scopo per cui apri una Company Page su Linkedin?

Prima di creare la tua pagina aziendale, è necessario sempre studiare e quindi progettare la tua strategia.

Mantenere attivo il contatto con i propri clienti è sicuramente un ottimo obiettivo ma non sottovalutate l’utilità della Pagina Aziendale per trovare nuovi clienti.

Ma in che modo?

In una filosofia di Inbound Marketing si cerca di arrivare a questo scopo mediante un cammino che l’utente compie in diverse tappe, quello che in gergo viene definito Customer Journey, si tratta di: 

  • Conoscerti;
  • Avvicinarsi alla tua azienda e comprendere di aver necessità del tuo prodotto;
  • Contattarti.

inbound_marketing_linkedin_company-page

 

Dovrai quindi attentamente valutare in quale modo interessare il tuo potenziale cliente attraverso i contenuti che pubblichi sulla Company Page.

Sicuramente vorrai portare traffico al tuo sito o blog attraverso contenuti aziendali che ti faranno conoscere.

Ma per non essere troppo autoreferenziale dovrai anche pubblicare contenuti di terzi che svolgano attività di nurturing, di formazione o educazione del tuo potenziale cliente sui temi che indirettamente o direttamente riguardano il tuo prodotto.

Un esempio pratico?

Se la tua azienda produce tessuti, il green è sicuramente uno dei temi a cui siamo tutti molto sensibili.

Inserisci nella Company Page:

  • Articoli di fonti autorevoli, esempio di testate giornalistiche di un certo peso, sull’argomento green;
  • Articoli del tuo blog che illustrino il tuo iter produttivo nel rispetto dell’ambiente o raccontino i tuoi prodotti come il risultato di sostanze a basso impatto ambientale o anallergiche.

2ª regola: Varia tipologia ai contenuti!

contenuti_linkedin_company_page

 

  • E-book;
  • Infografiche;
  • Come fare a…;
  • Registrazione ad eventi;
  • News di settore;
  • Aggiornamenti aziendali;
  • Rubriche Settimanali;
  • Call to Action;
  • SlideShares;
  • Link a video YouTube.

Variare la tipologia dei contenuti è certamente impegnativo, ma renderà l’esperienza per l’utente unica e ti darà maggiori soddisfazioni.

L’impressione che ne ricaveranno i tuoi Followers sarà sicuramente ottima e aiuterà, in perfetta logica Inbound Marketing, ad agevolare il Customer Journey nella direzione della tua azienda.

3ª regola: Varia le fonti degli argomenti

  • 1 contenuto aziendale;
  • 4 contenuti scritti da altri (Testi - Link - Video - Immagini).

Esattamente come da direttive LinkedIn sull’argomento, il consiglio che posso darti è quello di inserire nel calendario editoriale contenuti che siano opera di altri autori. Non parlare solo con la tua voce e lascia spazio anche agli esperti di settore dei quali sposi la filosofia.

Ciò renderà te e la tua azienda meno autoreferenziali e sicuramente più credibili.

cosa_pubblicare_company_pages_linkedin

4a regola: Vinci nel B2B, grazie all’H2H (Human To Human)

Creare una Company Page è molto semplice; gestirla richiede impegno, dedizione, tempo e capacità di coinvolgimento dei profili aziendali.

Dipendenti, Manager e Sales diventano, su LinkedIn, Brand Ambassador ossia comunicano i valori dell’Azienda e dimostrano di condividerli, così l’azienda e contemporaneamente i singoli aumentano la propria reputazione online e le possibilità di successo.

Le aziende sono costituite da persone e le interazioni su Linkedin avvengono soprattutto tra singoli profili, anche se ad oggi la Company Page può finalmente commentare e interagire maggiormente rispetto a qualche anno fa.

Possiamo affermare che l’aspetto H2H completa e rafforza l’utilizzo B2B della piattaforma.

5ª regola: Metti in VETRINA la tua Company Page

Ricorda che LinkedIn offre una grande opportunità alle Aziende con diverse linee di prodotto o diversi Target di clienti: è infatti possibile creare sino a 10 ShowCase Pages, Pagine Vetrina collegate alla Pagina Aziendale principale.

Come si creano le Pagine Vetrina? Come puoi organizzarle e darne visibilità? Posso fare statistiche sulla Company Page Linkedin?

 

Scopri subito come utilizzare al meglio Linkedin e gli altri social media
per ottimizzare la tua strategia di brand
positioning!

New Call-to-action

 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 24/04/2018 e aggiornato il 27/11/2019.

Argomenti: InboundMarketing, Linkedin, SocialSelling

M. Letizia Russo

M. Letizia Russo

Analista Programmatore EDP per 10 anni che le permettono di conoscere l'affascinante mondo dell’Analisi e Programmazione. Nel 2005 la prima svolta in direzione Marketing per arrivare all'ultima e piu recente passione per il Digitale, il Web e l'Inbound Marketing. In particolar modo il Social Selling è il suo "Terreno di studio e di azione". Scrive per passione, per necessità interiore di esternare le proprie esperienze o per semplificare, se occorre, difficili concetti tramite “Racconti di Business” che rendono semplice ciò che semplice non è.

Sign up to our newsletter

Recent Posts