<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=665305573852180&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

GDPR: come adeguare il tuo sito web

[fa icon="calendar"] 08/05/18 7.55 / Pubblicato da Avv.to Federica De Stefani

Avv.to Federica De Stefani

gdpr_per_il_sitoweb_cover

Fra pochi giorni diventerà esecutivo il GDPR, la nuova normativa in tema di protezione dei dati personali.

Come abbiamo già avuto modo di vedere, il Regolamento europeo impone un cambiamento di approccio: non si parte più da una norma generale ed astratta e la si applica al caso concreto, ma si parte dallo scopo ultimo del GDPR, ossia la tutela dei dati personali, e da questo si arriva ad individuare le misure adeguate per realizzare la tutela in questione.

Vediamo quindi quali modifiche apportare per adeguare il sito alla normativa.

Come adeguare il proprio sito web per le normative GDPR

Il modello di informativa da inserire nel sito

Se siete alla ricerca di un modello standard da utilizzare per l’informativa del sito siete in errore.Non esiste, infatti, un modello che vi possa garantire un reale adeguamento al GDPR e questo per le caratteristiche intrinseche del modello standard.

Il modello standard, per definizione, è un modello generale che deve abbracciare e coprire il numero più elevato possibile di casi.È verosimile che anche la vostra realtà rientri tra questi, ma bisogna considerare anche l’eventualità che non sia così.Ogni realtà, infatti, ha caratteristiche specifiche e peculiarità che ben potrebbero non essere considerate dal modello che adottate.

Ecco perché l’informativa che rilasciate agli interessati e tutte le misure che adottate per l’adeguamento devono essere studiate per il singolo caso.Quindi se proprio volete utilizzare un modello, fatelo pure, ma solo come base di partenza per poi adattarlo alla vostra realtà.

L’adeguamento del sito web passa dall’analisi dei dati raccolti

compilazione_form_online

Quando valutate le attività da svolgere e le misure da adottare per essere in linea con quanto previsto dal GDPR dovete partire dall’analisi dei dati personali che gli utenti lasciano sul sito. Questo significa che dovete procedere ad una attenta disamina dei dati con i quali venite in contatto.

Non è sufficiente infatti dire che un utente lascia per esempio il proprio nome e la propria mail, bisogna valutare per quali finalità, se i dati sono necessari per il raggiungimento della stessa e per quanto tempo questi dati verranno trattati.Dopo questa analisi si potrà quindi decidere se e come trattarli.

Il GDPR non indica le modalità con le quali un sito web deve adeguarsi alla normativa, quindi non ci sarà, a priori, un modo corretto e uno sbagliato.

Quanto costa adeguare il sito web al GDPR?

Sui costi per l’adeguamento di un sito web al GDPR si dice tutto e il contrario di tutto.

C’è chi sostiene che è una spesa eccessiva, chi lo ritiene una seccatura, chi decide di non fare nulla nella convinzione che non ci saranno controlli di alcun genere.

Il GDPR è una normativa europea, direttamente applicabile in tutti gli stati appartenenti alla UE.

Diciamo che ha la stessa “forza” di una legge dello Stato, anzi, nel caso in cui si trovasse in contrasto con questa prevarrebbe sulla legge statale. Ciò significa che le norme contenute nel GDPR sono norme che per i cittadini avranno la stessa forza impositiva delle norme di legge.

preventivo_costi_salato

Il Regolamento prevede determinati principi, al singolo soggetto tocca decidere se rispettarli, adeguandosi, o rimanere inerte ed esporsi alle sanzioni previste dal GDPR (che arrivano a 20 milioni di euro).

L’adeguamento, certo, ha un costo. Economico, se si decide di rivolgersi a qualche consulente. Di tempo, se si decide di studiare in prima persona la normativa.

Su questo aspetto il Regolamento non dice nulla (e non potrebbe nemmeno), quindi ognuno è libero di scegliere la strada che ritiene più opportuna.

Adeguare il proprio sito al GDPR è una seccatura: ne sei proprio sicuro?

Adeguare il sito al GDPR può essere visto come una seccatura: ci sono adempimenti da rispettare, clausole da inserire e via dicendo.

privacy

Attenzione, però, che lo stesso lavoro che ognuno di noi sta facendo per adeguare la propria realtà, sia online che offline, alla nuova regolamentazione per tutelare i dati altrui è la medesima che altri soggetti stanno facendo per tutelare i nostri dati. Le norme, infatti, non vanno mai considerate sono in una sola direzione.

"Quella stessa tutela che ciascuno di noi pretende per i propri dati personali è quella che, in via speculare, siamo tenuti a garantire ai dati degli utenti che arrivano sul nostro sito web"    twitter_greenTwitta

 

Ti ricordiamo che il GDPR sarà esecutivo dal prossimo 25 maggio. Hai già provveduto ad adeguare il tuo sito?
No? Scopri di più guardando il nostro webinar!

 

GDPR e marketing digitale webinar

Argomenti: #gdpr

Avv.to Federica De Stefani

Avv.to Federica De Stefani

Federica De Stefani è avvocato e autrice di pubblicazioni giuridiche. Si occupa di diritto delle nuove tecnologie, privacy e contrattualistica, nazionale e internazionale. Esperta di ADR (Alternative Dispute Resolutions), con specializzazione in risoluzione delle controversie in materia societaria, è responsabile della regione Lombardia di AIDR e si occupa di media law per SportDigitale.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Popular Posts

Popular Posts

Lists by Topic

vedi tutti

Articoli per argomento

Vedi tutti

Articoli Recenti