<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=665305573852180&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

CRM e contextual marketing

[fa icon="calendar"] 26/10/18 7.50 / Pubblicato da Simona Fiore

Simona Fiore

coverAll’interno di una strategia di contextual marketing la segmentazione è uno step cruciale che ti consente di creare contenuti smart in base ai diversi segmenti a cui appartengono i tuoi contatti:

  • Paese
  • Tipologia di Device utilizzato
  • Referral
  • Lingua
  • Buyer persona
  • Attività utente

Prima di entrare nel cuore della segmentazione operata da HubSpot, il software per eccellenza per chi fa inbound marketing, cerchiamo di capire cosa significa contextual marketing e cosa sono gli Smart content.

Iniziamo con un esempio concreto, una di quelle esperienze che viviamo tutti quotidianamente.

Ogni mattina prima di iniziare a lavorare vado al bar.

Quando entro nel bar, il proprietario, Pasquale, mi accoglie sempre cosi: “Ciao Simona, come va?”

E poi senza nemmeno farmi parlare mi dice: “ Per te, caffè in tazza fredda, zuccherato e acqua liscia”.

Pasquale mi ha segmentato in una determinata lista, (caffè in tazza fredda, zuccherato e acqua liscia) e ogni volta che vado lì mi offre un “contenuto” personalizzato in base alle mie esigenze.

Ecco spiegato in maniera molto, ma molto semplice il contextual marketing e gli smart content.

Veniamo ora alle definizioni un po’ più accademiche.

Cos'è il contextual marketing?

Il contextual marketing si basa sui bisogni, abitudini e obiettivi dell’utente per creare un’esperienza del sito web personalizzata: cambiano i contenuti visualizzati dall’utente in base allo stadio del buyer’s journey in cui si trova.

Per raggiungere questo obiettivo occorre conoscere bene le persone che interagiscono con la tua azienda, lo stadio del loro lifecycle, se sono visitatori, lead, clienti, ambassador e in base ad esso scegliere il contenuto da mostrare loro.

Quindi gli smart content sono quei contenuti da mostrare ad uno specifico target analizzando il contesto di cui fanno parte.

caffe

Per raccogliere dati contestuali occorre mettere in atto un processo di segmentazione efficace che porti alla creazione di liste che siano le più ampie possibili e in base alle quali sia possibile realizzare contenuti ad hoc.

Hubspot: Segmentazione e Smart Content

Entriamo ora nel cuore della segmentazione. Hubspot ti consente di realizzare gli smart content scegliendo tra le seguenti segmentazioni:

  • Paese
  • Device
  • Referral
  • Language
  • Buyer persona
  • Attività dell’utente

Paese

Il segmento Paese ti consente di creare una lista di contatti in base al paese di provenienza. Questo tipo di segmentazione potrebbe essere utilizzata da tutti quei servizi per i quali la localizzazione è un dato fondamentale.

Device utilizzato

Questo tipo di segmentazione ti è utile per adattare il contenuto del tuo sito ad un determinato dispositivo in modo da rendere l’esperienza di fruizione  dell’utente fluida.

Referral

Per referral si intendono le fonti attraverso le quali i tuoi utenti sono arrivati sul tuo sito web o sulla tua landing page.

Un esempio di referral può essere il segmento “e-mail”, ovvero tutti quei contatti che hanno cliccato sul link dell’email a cui puoi fornire quindi un contenuto cucito su misura per loro.

segmenti

Language

Il segmento Language è un dato fondamentale sui tuoi utenti grazie al quale puoi personalizzare la lingua di un determinato contenuto in base ai destinatari.

Buyer Persona

Per quanto riguarda le buyer persona occorre focalizzarsi su quelle di maggiore valore per la tua azienda. Con Hubspot puoi creare la tua lista di personas e associarle ai tuoi contatti.

smart list

Attività dell’utente

Per quanto riguarda l’attività dell’utente essa è il risultato dell’analisi dello storico dell’utente sul tuo sito:

  • Ha visto un video
  • Ha visto una demo
  • Ha scaricato un ebook

L’attività dell’utente rientra ovviamente nel suo ciclo di vita, ovvero capire quanto è lontano dalla fase decisiva, quella dell’acquisto; in base allo stadio in cui si trova, l’utente appartiene ad una delle seguenti categorie:

  • Iscritti
  • Lead
  • MQL
  • SQL
  • Customer
  • Promotore

Analizzando lo stadio dell’utente è più facile capire quale tipo di contenuto è di suo interesse e quale no.

unnamed

Smart content: CTA e Landing Page

CTA

Carla e Maria cercano entrambe una scuola per estetista. Carla dopo aver effettuato la sua ricerca su google approda sul sito www.aesthetica-mente.it, mentre Maria ritorna sul sito dopo aver letto un po’ di opinioni online. Una prima segmentazione può essere effettuata in base al paese di provenienza. In questo caso abbiamo come dato il paese di provenienza di Maria, Napoli. Questo dato ci aiuterà a creare due CTA diverse:

Per Carla, di cui ancora non abbiamo dati precisi possiamo realizzare la CTA: Cerca una nostra scuola nella tua zona

Per Maria, segmentata per paese di provenienza possiamo invece ipotizzare la seguente CTA: Cerca una nostra scuola a Napoli

Ecco un esempio di come la segmentazione possa fornire il giusto contesto per creare un contenuto personalizzato.

"Creare contenuti smart per i tuoi utenti significa conoscere bene i loro bisogni e le loro esigenze, ricordarti di loro. Insomma: creare un eccellente customer journey! " twitter_greenTweet

Landing Page

Partiamo da un presupposto fondamentale:le persone che navigano un sito da smartphone hanno esigenze diverse da quelle che leggono da desktop in quanto non sono disposte a leggere frasi troppo lunghe e a riempire troppi campi di un form di una landing page.

In che modo possiamo personalizzare una landing page in base al device che utilizzano? Vediamolo nel dettaglio.

Landing page per desktop

Un form di una landing page visibile da un utente che utilizza il pc può essere caratterizzato da svariati campi in quanto l’utente ha possibilità di visualizzare tutti i dettagli.

Landing page per smartphone

Per gli utenti che utilizzano lo smartphone è consigliabile diminuire i campi del form della landing page. In questo modo non si correrà il rischio che l’utente a causa dello sforzo eccessivo, rinunci a compilarlo.

Conclusioni

Creare contenuti smart può davvero essere efficace per la tua strategia di marketing. Grazie ad essi sarai in grado di inviare il messaggio giusto alla persona giusta, nel momento giusto.

 

Vorresti creare dei contenuti smart, ma vuoi accertarti che HubSpot faccia per te?
Fà il nostro test gratuito!

New call-to-action

Argomenti: #marketingautomation, #contentmarketing

Simona Fiore

Simona Fiore

A 10 anni vedevo lo spot di Barilla in tv e pensavo " Da grande voglio fare quella che scrive le frasi delle pubblicità". Ora sono grande, non scrivo le frasi delle pubblicità, ma sono una blogger consapevole e web writer che ama il mondo della comunicazione, lo studia e lo sperimenta. Dopo la laurea in lingue e letterature straniere ho intrapreso diversi studi nel settore del copywriting, web content e storytelling.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Popular Posts

Popular Posts

Lists by Topic

vedi tutti

Articoli per argomento

Vedi tutti

Articoli Recenti