<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=665305573852180&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Come aumentare le richieste di appuntamento alle fiere di settore

[fa icon="calendar"] 19/11/19 14.30 / Publlicato da: YourTarget Team

YourTarget Team

come_fissare_appuntamenti_fiera_di_settore

 

SwissTech, Swiss Bau, SAIE... e tante altre fiere di settore sono la parola d'ordine quando si parla di pianificazione di marketing per l'anno nuovo, giusto? Il 2020 è alle porte e anche se i mercati cominciano a muoversi verso un approccio sempre più digitale, rimane innegabile il potenziale di business e networking offerto dalla partecipazione a fiere ed eventi di settore, specialmente quando si parla di B2B.

Tuttavia, gli investimenti di marketing fieristico sono sempre elevati e non sempre tracciabili nel modo che vorremmo. Allora ci si chiede: vi è un modo per aumentare le richieste di appuntamento a questo genere di fiere importanti ottimizzandone così i costi?

Abbiamo già visto come gestire la strategia di email marketing in vista di un evento, ma sicuramente anche utilizzando il tuo sito web potrai convogliare il traffico su una pagina creata appositamente per l'evento e ottimizzata per la raccolta organizzata degli appuntamenti, ossia una landing page ad hoc

Ma quali sono le mosse migliori per aumentare il traffico verso questa landing page creata per invitare il visitatore all'evento e quindi aumentare le richieste di appuntamento?

Andiamole a vedere insieme!  

1. Hai un blog? Sfruttalo!

Si sa: il blog diventa un alleato inbound fondamentale quando si parla di ottimizzazione SEO del proprio sito web e di porsi come esperto del settore agli occhi della buyer persona, tant'è che sempre più imprese negli ultimi anni hanno adottato Blog e Content Marketing come strategia di generazione dei contatti, anche nel B2B.

Se possiedi già un blog, puoi sempre creare un piano editoriale di supporto per la presenza alla fiera, dando vita a uno spazio digitale ideale per l'inserimento di una CTA (Call-to-Action) che spinga il lettore a richiedere un appuntamento, reindirizzandolo verso la landing page creata appositamente per questo scopo. 

Quali articoli pubblicare? Ecco qualche esempio di argomento da cui prendere spunto: 

  • Le novità della fiera di quest'anno e il suo scopo; 
  • Excursus sui trend che verranno presentati; 
  • Info e curiosità sugli ospiti o sul programma;
  • Interviste e guest-post con ospiti od organizzatori dell’evento;
  • Il racconto della tua esperienza dopo la fiera.

Chiaramente, affinché si crei del vero engagement, la scelta delle keywords, degli argomenti e dell'angolo di redazione dovranno essere in linea con gli interessi della tua buyer persona.

Un consiglio? Non aspettare l'ultimo minuto per creare articoli di supporto di questo tipo, altrimenti potresti non offrire ai motori di ricerca il tempo necessario per processarli, posizionarli e attivare del prezioso traffico organico.

2. Crea Buzz sui Social.

Lavorando in settori tipicamente B2B come quelli industriali o delle costruzioni, forse anche la tua impresa non ha mai investito più di tanto sui social media. 

Abbiamo già visto qualche mese fa come, invece, le opportunità social per il B2B esistano e siano anche molto allettanti, soprattutto su Facebook e Linkedin, che ti permetterebbero di raggiungere più facilmente la tua buyer persona.

A maggior ragione, in occasione di fiere ed eventi, i social sono un ottimo strumento di promozione!

In che modo? Puoi usare i social per:

  • Pubblicare gli articoli che hai redatto nel tuo blog;
  • Far sapere ai clienti che parteciperai alla fiera, inserendo nei post (organici o a pagamento) un apposito link al contenuto che più soddisfa i tuoi obiettivi di marketing, ad esempio la landing page per gli appuntamenti;
  • Condividere post, foto e video del team durante la fiera stessa, così come delle curiosità sulla tua azienda che possano spingere più visitatori a recarsi al tuo stand;
  • Condividere gli spunti, i trend e le novità degli speech a cui hai partecipato utilizzando l’hashtag ufficiale dell’evento;
  • Lanciare un concorso o un giveaway, in modo da ottenere menzioni e condivisioni sui vari social. Si tratta di un format che ti permette di creare un hashtag personalizzato per l’evento e offrire alla tua buyer persona un reward, ad esempio un biglietto omaggio, una demo o una consulenza gratuita;
  • Coinvolgere ambasciatori, sponsor e influencer, dando vita a una strategia profondamente inbound che ti consenta di trasformare la stessa buyer persona in promotrice del tuo brand;
  • Lanciare una campagna di lead generation, in quanto le ads sono un’ottima soluzione per fare lead generation attraverso i social, grazie anche a strumenti come il Facebook targeting;
  • Girare dei live video durante l’evento o dei video brevi per le Stories di Instagram, Facebook, SnapChat o persino il più recente TikTok, considerato che il video marketing è un’altra di quelle tattiche alle quali non dovresti rinunciare se vuoi creare buzz sulla tua partecipazione alle fiere di settore;
  • Monitorare i risultati ottenuti dall’evento, in termini di lead generation social e di strategia inbound, grazie a insights e analytics. 

Ecco, per esempio, alcune tipologie di hashtag ufficiale utilizzati su Twitter:

#SAIE Bologna, ottobre 2020

14–18 January 2020 in Basel #Swissbau

Oltre alla promozione del brand e dei tuoi contenuti puoi sempre utilizzare i social a scopo di prospecting e analisi dei tuoi interlocutori, per collegarti a target di un certo calibro e invitarli al tuo stand, anche attraverso strumenti quali InMail di LinkedIn, facendo appunto un po’ di lead nurturing anche sui social.

Tuttavia, se non hai tempo a disposizione per creare una strategia social da zero, puoi sempre rivolgerti a professionisti del settore che potranno crearne una per te a seconda del tuo budget e dei tuoi obiettivi! 

swiss_tech.jpg

 

3. Non dimenticarti delle Call-To-Action!

Come già saprai, le Call-to-Action sono "bottoni" visual e/o di testo che invitano il lettore a una specifica azione: visitare una pagina, scaricare una guida o un e-book, richiedere informazioni, prenotare un appuntamento, e così via. 

Utilizzare le Call-To-Action strategicamente, creando delle frasi brevi, originali, chiare e attrattive, e inserendole sapientemente nei tuoi contenuti, ti aiuterà ad aumentare le conversioni delle visite al tuo sito web e, nel nostro caso, ad aumentare gli appuntamenti alla prossima fiera di settore.

Per far crescere i lead, quindi, usa le CTA nei social, nelle email, nel sito web, nel blog e nella landing page, per esempio per invitare gli utenti a:

  • Scaricare una guida pratica o interattiva dell’evento;
  • Registrarsi all’evento stesso, assicurandosi i biglietti se necessario;
  • Iscriversi alla tua newsletter;
  • Richiedere una demo in vista dell’evento.

Assicurati, inoltre, di creare anche un URL di tracciamento per ogni canale su cui pubblichi la tua CTA, in modo tale da poter monitorare da dove proviene la maggior parte del traffico e scegliere su quali piattaforme puntare di più per gli eventi futuri.

Concludiamo con qualche consiglio in più

I tuoi obiettivi prima di tutto

Chiarisci i tuoi obiettivi e quelli del tuo team prima di arrivare alla fiera:

  • Vuoi sviluppare la notorietà del brand? 
  • Vorresti acquisire nuovi contatti? 
  • O desideri diventare leader del mercato? 

Una visione chiara dei tuoi "obiettivi fiera", sia per te che per i tuoi collaboratori, ti aiuterà ad affinare il focus delle relazioni di lavoro e delle interazioni da gestire non solo durante l’evento, ma anche durante la strategia di marketing che lo precede e lo segue.

Ottimizza le interazioni - online e offline - con una strategia ad hoc

Sappiamo bene che non c'è nulla di meglio di un confronto vis-a-vis: partecipare alle fiere è un'ottima occasione per un confronto faccia a faccia con i tuoi clienti potenziali, ma a questo dovrà seguire una serie di interazioni strategiche, via social, telefono, email o altro, che possano portare il semplice contatto che conosce l'azienda per la prima volta a divenire un lead qualificato per la vendita, attraverso un sapiente uso inbound dei media a disposizione.

Va da sé che occorre sempre rispettare il lead e le tempistiche del ciclo di vendita del tuo prodotto o servizio: se non è pronto all'acquisto, puoi sempre mantenerti in contatto senza essere invadente, utilizzando campagne come quelle di Inbound lead nurturing, per continuare a sviluppare la relazione iniziata in occasione della fiera.

Ottimizza il tuo investimento

Le fiere di marketing sono ancora la tattica con ROI più elevato per la tua impresa?

Riesci a tracciare efficacemente i tuoi sforzi e i ritorni di investimento ed, elemento ancora più importante, a generare un numero ottimale di contatti?

Per comprendere questi aspetti al meglio, ti consigliamo di avvalerti di un buon tool di analisi e monitoraggio dei risultati delle tue strategie di marketing e sales, come HubSpot, ossia il software inbound per eccellenza!

Al momento della pianificazione della prossima fiera di settore, quindi, aggiungi un pizzico di digitale da testare come supporto ai tuoi sforzi di marketing tradizionale, per dare alle tue strategie attuali il giusto mix di outbound e inbound che può fare sicuramente la differenza sia in termini di ROI che di networking.



Vuoi scoprire altri trucchi su come ottenere il massimo dalle tue fiere di settore?
Scarica subito la nostra check-list gratuita!

New Call-to-action

 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 19/12/2017 e aggiornato il 18/11/2019.

Argomenti: LeadGeneration, InboundMarketing, B2B

YourTarget Team

YourTarget Team

Mamme, papà, freelance, imprenditori. Marketers, nomadi digitali, creativi, sviluppatori, scrittori, artisti. Definiteci come volete. Perché siamo tutto questo (e molto altro ancora): una squadra variegata con una passione comune. Generare valore e offrire valore ai nostri lettori e a quelli dei nostri clienti.

Sign up to our newsletter

Recent Posts